Ecuador

Giungla, ciabatte e mariscal

IMG_1567m

“What the f… are you doing!? fu… idiooot!!?” tuona inviperita Rachel reagendo così al violento e improvviso getto d’acqua che le arriva in faccia. La lunga e sottile lancha sta scorrendo veloce sul fiume, l’amico amazzonico Jaime è al timone e a bordo siamo in 6 passeggeri più o meno comodamente seduti in fila per due ad ammirare il verde paesaggio intorno, almeno fino a quando Matthias, il biondo omone da Berlino, folgorato da geniale illuminazione non decide che è finalmente giunta l’ora di dare una bella lavata alla sua ciabatta tenendola fuoribordo in velocità – e bagnando a raffica tutti i malcapitati passeggeri.

Si guarda attorno attonito lui, senza capire bene contro chi siano rivolte le invettive della ragazza… il suo sguardo cade inconsapevole e indifeso prima sul ciabattone che ha ancora in mano a pelo d’acqua, poi si rivolge alla vittima che cerca di difendersi dal getto che continua ad arrivarle in viso, infine si guarda intorno e scopre che tutti fra imbarazzo e risate a stento trattenute hanno gli occhi puntati su di lui. Con un po’ di fatica insomma realizza che forse è il caso di togliere la sua calzatura dal fiume. Accanto a lui il suo amichetto, da noi soprannominato Mr. Bean per le sue espressioni facciali, ha l’aria divertita: è un misterioso personaggio, il cui nome nessuno ha capito anche perché non spiccicherà una parola per tutti i 4 giorni della nostra escursione nella vera giungla. E nemmeno in questo tempo cambierà mai la camicia, che da verde acqua sfumerà nei toni caldi di un marron-grigio-fumé frammisto a essenze di sudore e inquietanti sorrisini da serial killer.

Eccoli alle prese con la vegetazione amazzonica.

Simpatiche gag come queste rendono frizzanti le nostre giornatine amazzoniche. Arrivare al Nicky’s Lodge, nel cuore della Reserva Cuyabeno, è già un’avventura: 7 ore di bus da Quito, poi kilometri in furgone, su asfalto e su sterrato, e ci vogliono ancora 3 ore in lancia lungo il fiume, avvolti nei poncho impermeabili che ci proteggono dalla pioggia battente a tratti. Jaime, il barcaiolo per così dire, è nato e cresciuto qui, e conosce a menadito queste enormi vie d’acqua marroni e impetuose, solcate da altre sparute lance e da qualche chiatta che trasporta camion e ruspe (e già che di risorse naturali e minerali da estrarre qui è ricchissimo).

all’imbarcadero sull’Aguarico

Attraversiamo un punto in cui le correnti si incrociano, dietro un’ultima ansa il volto del fiume si rasserena, le acque si chetano e i cavalli al galoppo sotto di noi si distendono per riposare – ora la chiglia della barca taglia una superficie placida e scura su cui si riflette perfettamente la vegetazione e le sagome degli alberi sembrano sciogliersi nell’acqua. Restiamo immobili in riverente contemplazione per non intrometterci in questo equilibrio perfetto tra colori profumi sensazioni suoni e profondi silenzi. Chissà come fa Jaime ad orientarsi nello scenario che pare sempre uguale, evidentemente natura e uomo condividono qui dei segreti impenetrabili per i nuovi venuti, infatti ad un certo punto la lancia si infila in un anfratto angusto e alla nostra sinistra, finalmente, prende forma il piccolo molo del lodge.

casa, reloaded

Lo staff ci accoglie calorosamente e ci scorta verso la nostra capanna di legno e paglia. Non ci sono porte o finestre, il letto è di bambù ed è coperto da una zanzariera di protezione e poi c’è il bagno quasi a cielo aperto, con la doccia che prende acqua direttamente dal fiume. Ci vengono subito fatte le opportune raccomandazioni: usare sempre le torce quando ci si alza di notte, per non rischiare di pestare eventuali serpenti o ragni, scuotere scarpe, stivali e vestiti prima di indossarli, cose così: qui la vita è pervasiva davvero, con innumerevoli forme varie oltre l’immaginabile, alcune delle quali possono rappresentare un pericolo.

E infatti in questo luogo di pace, verde e umidità, dove l’uomo a fatica mantiene qualche avamposto libero dagli assalti di vegetazione e animali, l’unica cosa da fare è andare in giro a scoprire la natura intorno. Al mattino presto il piccolo villaggio è destato dall’urlo tonante di Tarzan-Romulo, che si assicura che gli ospiti siano ben pronti a ricevere le istruzioni per la giornata… doccia, colazione e poi via, a piedi o in lancia, all’esplorazione della giungla finalmente!

Su questa strana e precaria torre di avvistamento costruita sopr… ehm, INTORNO a un albero qualcuno non troverà il coraggio di salire.

Quella collezione di cappellini allineati su un tronco che affiora nella laguna è in realtà una famigliola di tartarughe; intorno alla barchetta ci sono i delfini rosa, che saltellano incuriositi; con delle canne rudimentali e dei pezzettini di carne ci mettiamo a pescare i piraña; avvistiamo sulle cime degli alberi le scimmie-scoiattolo che sgattaiolano veloci, colonie di pappagalli, pipistrelli pescatori, caimani e anaconde e altri serpenti… e ci immergiamo nei suoni della selva. Un nido di “vespe marcianti”, che quando minacciate si mettono a battere le ali all’unisono facendo il surreale suono di un esercito al passo, ci riempie di stupore ma è solo una delle tantissime manifestazioni della magica perfezione della natura e delle sue creature.

     

Quando arriva il crepuscolo e cade il sipario, si spengono i colori lasciando intravedere contro il cielo solo le sagome della vegetazione superba annegata nei versi di grilli e rane. E poi lui, Romulo-Tarzan, l’uomo che sussurrava ai caimani e agli avvoltoi e al madreluna dal canto triste e alle scimmie e all’heron-tiger e al cow-bird che gli rispondono pure, mentre Jaime-Caronte traghetta le nostre anime sospese fra il buio e la silhouette degli alberi e il silenzio inquieto e il nulla sullo Stige-Cuyabeno illuminato dalle lucciole, da una luna muta e sotto un sentiero di stelle. Vere magie amazzoniche.

Noè ci fa un baffo, a lui.

Il nostro Matthias invece è preso dalla contemplazione di altri strepitosi fenomeni. Lo vediamo che avvicina la testa ai suoi piedi e fa una faccia strana (cattivi odori?), poi guarda l’amico che gli lancia un’occhiata significativa ed eccolo che ci riprova: mentre tutti sono distratti dal paesaggio, la punta della ciabatta (dev’essere quell’altra) sta per toccare la superficie dell’acqua, guarda caso mentre Jaime sta per fare una bella virata in velocità. Per fortuna stavolta il “nooo, don’t do it!!!” corale dei passeggeri è tempestivo.

In realtà, non c’è ciabatta che possa turbare questa serenità.

Il giovanotto comunque si consola facilmente: ha preso in simpatia G. e, per nulla turbato quando sbarchiamo al campo, si concede ora un po’ di socialità inondandolo di incongrue e indesiderate informazioni e domande a sfondo monotematico: la sua esperienza da backpacker travolto da movida, feste e droghe nel quartiere Mariscal a Quito e nella Zona Rosa a Bogotá. Deve star pensando di dover recuperare tutte le parole trattenute da lui e dal suo amico nelle scorse or… PAM! toh, un lucertolone gigante è appena piombato dal tetto sul tavolo. Normale routine.

Il giorno seguente ci attende un’intensa sessione dedicata alla preparazione del pan de yuca a casa di Jaime: dal campo allo stomaco, per davvero. I tuberi di tapioca bisogna prima raccoglierli dall’orticello col machete (be’ “orto” è una parola grossa, qui basta lasciar cadere distrattamente un seme per ritrovarsi la pianta poco dopo), lavarli, sbucciarli e grattugiarli a mano su un pezzo di lamiera bucherellato con i chiodi, e poi strizzare il più possibile l’umida polpa ottenuta con una specie di telo fatto con bande intrecciate di corteccia. Con la farina risultante possiamo finalmente creare delle specie di piade che cuociamo su un padellone piatto sul fuocherello della cucina (dove per “cucina” si intende lo stanzone rialzato dal suolo adibito a preparare cibo, lavarsi e soggiornare): ed ecco il pane del nostro pranzo di oggi, consumato in mezzo a mucche, cani, galline e pappagalli nella precaria casetta di assi di legno insieme alla famigliola che vive qui coltivando cacao e ananas.

La padrona di casa ha mani e piedi esperti per preparare i manicaretti della giungla!

Poco più avanti lungo il fiume c’è anche un piccolo villaggio che visitiamo, tra acquazzoni improvvisi e violenti solleoni, in mezzo agli sciami di bimbi allegri e socievoli che escono da scuola e tornano alla comunità e alle capanne di famiglia: sono appena sbarcati dallo scuolabus, e “sbarcati” in questo caso è la parola giusta…

scuola di villaggio

Quando torniamo al nostro campamento, mentre prestiamo l’orecchio alle vicine scimmie urlatrici, possiamo fare una nuotata nella laguna (sicuro che i piraña girano al largo da questo angolo, sì?…) o giocare con le anguille elettriche – chissà se possiamo approfittarne per ricaricare il cellulare eheh! mentre il nostro buontempone teutonico, ansioso di portare a casa immagini di questa suggestiva vacanza, costringe una minuscola tartaruga a farsi un autoscatto insieme a lui torcendole coercitivamente la testa (e invogliandola con un ghigno malefico: “pictuuure!”). Poco più in là, Romulo intrattiene i gitanti con i normali racconti di vita vissuta da queste parti (è il suo personale libro della giungla): l’enorme tarantola nera e pelosa calata dal tetto proprio al centro del tavolo durante la cena, il giaguaro ucciso a colpi di machete da un bambino in battuta di caccia, la vipera trovata fra le lenzuola, il boa constrictor rimasto a curiosare in cucina per due settimane (probabilmente il gemello di quell’altro bellissimo e giallo che abbiamo trovato nell’erba vicino alla nostra capanna ieri, e con cui lui giocherellava accarezzandolo), le eterne gare ad avvistare l’anaconda più grande… e così le notti di S., nonostante la pace infinita meravigliosamente piena di suoni e rumori, passano un po’ inquiete, meno male che abbiamo la rete a proteggerci sul letto.

Eccolo che gioca con un voracissimo e amichevolissimo pesce piraña. Che uno potrebbe trovarlo pure amabile, se non fosse che… grugnisce (il pesce, non Romulo: lui sa fare i versi di qualunque animale ma dei pesci no, pare).

Ma la giungla, quella vera si risveglia nel cuore della notte e allora noi, armati di tutto punto con poncho, stivaloni e torce frontali, prima di nanna andiamo a darle un saluto. Camminiamo nel fango in fila indiana e in religiosa contemplazione (nonché un po’ intimoriti) seguendo nel buio le orme di Romulo che ci indica gli animaletti che possiamo scorgere nel fitto sottobosco: grilli dai colori e forme surreali, minuscole e bellissime rane, farfalle, vipere sulle enormi e aggrovigliate radici di secolari matapalos, tarantole e ragni giganti e spaventosi che il nostro Tarzan maneggia con una disinvoltura mica da ridere. Il silenzio è d’obbligo, ma evidentemente non per tutti: dietro di noi il gigantesco Matthias sussulta terrorizzato da un innocuo grilletto che gli cade addosso (“fuckin’ crickeeet!”), impreca e lancia urla cavernose alla Frankenstein e si agita nervosamente. Forse ce l’ha con gli stivali troppo piccoli che inevitabilmente gli si riempiono di fango, mentre le risatine sommesse e inquietanti del suo amichetto perfezionano l’effetto film-dell-orrore del tutto…

   

Quando invece simili passeggiate nella giungla hanno luogo alla luce del giorno, c’è da divertirsi a seguire le orme fresche del wild pig o del giaguaro, mentre la nostra eccezionale guida Romulo mangia formiche, fa tatuaggi naturali usando i fiori, e raccoglie jungle garlic per noi. Però si sta bene anche solo ad ascoltare la giungla dall’amaca sotto il tetto di paglia al ritmico tintinnio e scroscio d’acqua dell’onnipresente pioggia. Fuori gli alberi distratti afferrano le nuvole e lassù, sulla cima più alta se la dorme il bradipo… poi resta solo l’odore di terra sospeso nell’aria di un pomeriggio amazzonico spazzato dalla pioggia. La malinconia della giungla primordiale assorbe i sensi e li fonde in un’atmosfera crepuscolare. Il canto triste degli uccelli accarezza l’animo e un po’ inquieta. Cullati dall’insolito proviamo a raccogliere i ricordi di questi momenti nel nostro diario, prima che vada tutto perduto nei cassetti impolverati della memoria, ma è sempre difficile tradurre in pagina scritta emozioni, sensazioni e magie vissute… un po’ come quando uno cerca di raccontare un sogno…

 

Ehi ma basta fare finta di dormire! Meglio far finta di essere svegli, ché è arrivata l’ora di cena: sono già accese le candele in ogni ambiente del Nicky’s e in tavola sfumazza già una rica sopa de quinoa. Per noi è l’ultima serata nella giungla, domani Jaime ci traghetterà per 3 ore giù lungo il fiume in prevista piena per tornare a Lago Agrio… noi e i nostri zainetti e cuori un po’ più pieni di indimenticabili ricordi d’Amazzonia. 

Altre foto: al nostro flickr!

Categorie: Ecuador | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Dalle sponde peruviane al cuore ecuadoregno

panorama di Màncora dal Kon Tiki

Màncora

Sbarcati a Màncora nel caldo torrido del mattino inoltrato con un sacco di voglia di qualche giorno di mare, ci lasciamo accogliere dal mototaxi di Jorge che ci scorrazza e ci sollazza fino in cima all’altura che domina questa piccola striscia di costruzioni lungo la costa settentrionale del Perù.

Jorge ci porta…

Eccolo qui proprio sul cocuzzolo il Kon Tiki, la posada che sarà nostra dimora, ed è deliziosa (il proprietario, manco a dirlo, è svizzero).

eccola lassù la nostra casetta!

La stanzetta tutta nostra, con bellissimi mobili in bambù e muri di pietra, è ampia, spoglia e caldissima, dài scendiamo subito al mare!

bella la mobilia in bambù

Uh già, è oceano questo… be’ allora il modo giusto di goderselo sono le lunghe passeggiate in spiaggia, ma non ci spingiamo troppo in là forse suggestionati dai vigilantes che ci esortano a non allontanarci troppo per evitare rischi – è bassa stagione e non c’è grande affollamento.

anzi, diciamo che è quasi deserto…

Di persone, si intende, perché di pellicani invece è pieno: pellicani fermi a contemplare il mare con il becco rivolto all’orizzonte, pellicani con lo sguardo spento che si trascinano goffi sulla battigia, pellicani moribondi, e cadaveri di pellicani…

malinconia pellicanica

Nell’attesa di capire il mistero di questa malinconia pellicanica, noi siamo ben felici di zigzagare tra le capanne, i chioschi e la vegetazione lussureggiante di Màncora, e di scoprire che la buona cultura culinaria peruviana non si smentisce affatto nemmeno qui sulla costa.

suzi’n’giro @ pacific ocean!

Proviamo una fritturina mista (la chiamano chicharròn e la fanno di qualunque tipo di carne, pesce, molluschi o… di frutta): è buonissima! E in questo localino sulla Panamericana, dove una ragazza sorridente ci serve un granizado di maracuyà e mango, tutte quelle che abbiamo provato sin’ora vengono declassate in un istante a insapori e banali “granite”. Ci divertiremo un bel po’, in questi giorni, a scoprire qual è l’abbinamento di frutta migliore.

bellezze e bontà peruviane

Per cena scegliamo il Chan Chan, un bellissimo edificio fatto di mattoni di adobe rifinito e tondeggiante – ma non lo ricorderemo tanto per la cucina quanto per la piacevole brezza all’interno, per la musica carina e per l’enorme voliera con gli straordinari pappagalli. Terminiamo con uno strepitoso succo di lùcuma e mango e un pezzo di tarta de chocolate all’ottimo Angela’s Place prima di tornare arrampicandoci sulla collina al gazebo del Kon Tiki, che è un ottimo posto per descansar e godersi il panorama.

ecco l’amico Chris nel suo ufficio (invidia)

C’è anche Chris, che viene dall’Oregon, e passa gran parte dei suoi giorni qui all’ombra e al venticello che arriva dall’oceano lavorando al suo pc: ci racconta che l’impresa californiana per cui lavora (settore impianti solari) gli ha consentito un lungo periodo di telelavoro e così… è proprio il caso di inviare un cv anche noi, hai visto mai.

quali porte ci si schiuderanno?

Infatti questo è per noi periodo di riflessioni sul futuro e sulla nostra condizione. Fermarsi?… a Màncora?… mah, per un po’, perché no, qui sotto la superficie fiorita colorata e piacevole c’è tanto da lavorare, moltissimo da migliorare, però è come con i mix di frutta, non sappiamo deciderci e la rotta ci chiama: “Orillas del Mar” è il nome della compagnia del bus, 8 ore il tempo di viaggio, Cuenca la destinazione, in Ecuador.

…casa.

Il trasferimento è un po’ improvvisato, l’affabilità e la precisione nella comunicazione non sono le doti principali da queste parti anche se, non si sa come, tutto sommato il sistema funziona. Ci spadellano ben bene da una parte all’altra attraverso la frontiera senza che autisti, cobradores e funzionari ci diano modo di capire granché a bordo dei torpedoni con ambizioni da Formula 1. Attraversiamo la savana e le foreste secche dell’estrema costa settentrionale peruviana che lascia spazio alla sierra ecuadoregna, verde e montagnosa come le Alpi in primavera.

sì, viaggiare

Alla fine eccoci sani e salvi a Cuenca, sono le 7 di sera e siamo partiti alle 10 di mattina, ah no quello era solo l’orario previsto. Un déjà vu, Cuenca ci ricorda la Sucre boliviana: sembra una città facile, pulita e piacevole, la approcciamo in compagnia di Philippe, viaggiatore dal Belgio.

per le vie di Cuenca

Fatti due passi per trovare un alloggio scegliamo “La Cigale”, poi ci dedichiamo ai piaceri della tavola al “Guajibamba” lieti di scoprire che anche di qua dal confine la cucina mantiene il livello a cui avevamo preso gusto: fritada di maiale, mote pillo, llapingachos (delle frittelle di patate e formaggio) con avocado e platano fritto, un seco de chivo e un fantastico canelazo (un cocktail caldo e rosa a base di succo di canna fermentato)… il viaggio ci aveva messo fame!

ari-gnam

Dedicheremo solo una giornata a Cuenca esplorando le piazze, le chiese, le vie del centro lastricate e pulite con gli eleganti edifici coloniali. E’ un posto vivibile, interessante di cultura e relativamente ricco; arriviamo fino al mercatino dei fiori e al museo Pumapungo (dove visitiamo i costumi tradizionali e un mucchio di cabezas reducidas o tsantsas nella lingua locale degli Shuar) ma poi nemmeno all’ufficio di informazioni riusciamo a trovare indicazioni convincenti sulle spiagge migliori da visitare in questa fascia dell’Ecuador. E così per dove fare il nuovo biglietto lo decidiamo solo quando, zaini in spalla, siamo già alla terminal: saltiamo tutto, anche a Puerto Lopez o Montañita sarebbero ormai troppo poche le probabilità di avvistare le balene, per cui nulla… puntiamo dritti verso Quito.

adios Cuenca!

Il bus della Santa come al solito ci dilania fra curve e tornanti, salite e discese su e giù per alture, paesi di contadini, cittadine di pietra, pascoli montani e boschi nella nebbia… e dopo innumerevoli fermate, un paio di film da dimenticare, e con le orecchie strapazzate di serenate amorose latine si arriva a Quito, dove riusciamo in qualche modo a raggiungere il Blue Hostel intorno alle 21 passate. Su sta ormai malissimo e Gi recupera, girovagando un po’ nei dintorni, un paio di quesadillas e una macedonia per cena, dopodiché… ci diamo malati.

nella plaza di Quito

E già: a parte una giornata ancora stoicamente dedicata alla doverosa esplorazione della capitale ecuadoregna, coprendo a piedi in bus o taxi le distanze enormi tra un quartiere e l’altro, passeggiando per gli antichi parchi e per il centro storico coloniale, mangiando nei ristorantini della plaza e bevendo canelazo all’animata Ronda, quel che facciamo a Quito dopo sei mesi di viaggio è rinchiuderci in ostello in questo angolino dell’animato Mariscal (il barrio della movida notturna… ma non lo sapevamo!) per metterci praticamente in mutua – qualche responsabilità sospettiamo ce l’abbia pure l’ultima insalata di aguacate del Wunderbar di Cuenca.

Quito, La Ronda

Però sappiamo approfittar bene di questa pausa. Non solo cerchiamo di prendere qualche decisione e mettere un paio di punti fermi sul futuro (che strano, in questa situazione di libertà assoluta e di normalità dell’imprevisto, scommettere così pesantemente su dove saremo e cosa faremo in precise date di là da venire), nella forma di un paio di biglietti aerei intercontinentali; ma anche onorando la Festa della Mamma (una ricorrenza molto sentita tra le società andine tradizionalmente perlopiù matriarcali) con una bella telefonatina a casa. Soprattutto però da qui riusciamo (finalmente!) a organizzare la nostra agognata visita alla vera Amazzonia: e pregustiamo con la fantasia le meraviglie del tour nella giungla, mentre salutiamo il Mariscal surrealmente deserto e silenzioso della domenica.

le scene urbane, come al solito… dolcissime o terribili

(Tutte le foto della tappa… sul nostro Flickr)

 

Categorie: Ecuador, Perù | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.